I Protagonisti di FlorArt tra Arte e Natura – 2014

domenica, marzo 9, 2014 @ 05:03 PM

Protagonisti di FlorArt tra Arte e Natura

Maria Adriana Giusti Burbatti 
Architetto, è nata in Toscana e si è trasferita in Piemonte per insegnare restauro al Politecnico di Torino. I giardini storici sono da molti anni il campo privilegiato delle sue ricerche e della sua attività professionale: è stata membro del “Comitato Nazionale sulla cultura e conservazione dei parchi e giardini storici” (MiBAC), direttore e presidente del “Centro di Studi Giardini storici e contemporanei di Pietrasanta”, presidente dell’”Opera delle Mura di Lucca” e tra i promotori di Murabilia. Progettista e autore di numerosi saggi e volumi, il suo recente Materials and symbols. Garden v/s Landscape(Pisa 2010) è stato tradotto in Cina, dove insegna come Foreign Professor Honorary della Xi’an Jiaotong University e dove ha progettato il giardino italiano per la Xi’an China International Horticultural Exposition del 2011. Vive e lavora tra Torino, Montalto Dora e la Versilia.

ImmaginArte
ImmaginArte – Studi e progetti per la cultura – è una Associazione culturale nata a Padova nel 1994 e fornisce i suoi servizi a enti pubblici e privati, musei, scuole, centri di catalogazione, biblioteche, archivi, gruppi sociali e a qualsiasi altra realtà interessata a riscoprire il patrimonio culturale.

Tra le proprie attività è figura la progettazione, promozione e informazione di itinerari tematici, culturali e ambientali. Si avvale di specialisti a carattere interdisciplinare, storici dell’arte, archeologi, operatori culturali e didattici, guide turistiche e ambientali, che sono in grado di gestire tutte le fasi progettuali, organizzative e di valorizzazione del territorio in ambito storico-artistico, culturale e turistico.

 

Elena Macellari
E’ nata in Umbria e vive in Veneto. Dopo la laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie, un dottorato in Assetto del territorio agricolo lavora al Consiglio Nazionale delle Ricerche a Perugia e a Milano.
Ha pubblicato su riviste nazionali ed estere e prodotto monografie sull’analisi territoriale e paesaggistica, l’impatto ambientale e le agrotecnologie.
Esercita la libera professione occupandosi di composizione di giardini, di agricoltura e territorio. Si occupa di formazione e divulgazione in tema di giardini, orti didattici e storia della botanica.
Ha pubblicato Giardinieri ed esposizioni botaniche in Italia (1800-1915) nel 2005 e Eva Mameli Calvino nel 2010 per Ali&no, Perugia, Nabù e il giardino cosmico Edizionicorsare Perugia, 2012.

 

Maestri di Giardino

L’Associazione Maestri di Giardino è nata alla fine del 2011 su iniziativa di 23 soci fondatori per contribuire alla crescita e alla diffusione dell’arte del giardino e del paesaggio.

Gli associati sono fondamentalmente di tre tipi: i “maestri”, ovvero giardinieri nel senso più completo del termine, sia che svolgano la loro attività privatamente, sia che curino un giardino pubblico o conducano un vivaio specializzato. I loro giardini e i loro vivai sono le sedi diffuse dell’Associazione, sparse in gran parte del territorio nazionale, in cui si svolgono i laboratori di formazione, aperti a tutti coloro che intendono arricchire le proprie conoscenze condividendone il lavoro. Ai maestri si aggiungono esperti, appassionati, giornalisti, promotori culturali, organizzatori di mostre-mercato, storici dell’arte, architetti, il cui articolato contributo alimenta le diverse iniziative sociali legate alla comunicazione. Terza e fondamentale compagine, i soci-utenti, coloro cioè che aderiscono inizialmente all’Associazione per poterne frequentare i laboratori, i seminari intensivi o i campus

 Andrea di Robilant

Andrea-Di-RobilantAndrea di Robilant è nato a Roma nel 1957. Ha studiato Storia e Relazioni internazionali alla Columbia University e ha lavorato come giornalista in Europa, negli Stati Uniti e nell’America Latina. Corbaccio ha pubblicato Lucia al tempo di Napoleone. Un amore veneziano Irresistibile Nord. Vive a Roma con la moglie e i figli.

 

Alla ricerca della rosa perduta

Incappando in una splendida rosa in un giardino della terraferma
veneziana, Andrea di Robilant decide di intraprendere un viaggio
particolarissimo alla ricerca delle origini di questa rosa. Un viaggio che lo condurrà dai celebri roseti del Castello di
Malmaison, sede dell’imperatrice Giuseppina Bonaparte, fino a un giardino rustico friulano, dove un’appassionata signora inglese
coltiva 1500 specie di rose. Un viaggio in cui Di Robilant verrà a contatto con illustri botanici e semplici appassionati, del passato e del presente, attraverso i quali scoprirà e farà conoscere ai lettori
aneddoti e segreti, notizie scientifiche e tecniche di giardinaggio, colori e profumi del fiore più bello che esista: la rosa.

 

 


Patrizia Matteucci

Ha realizzato “Il giardino di Patrizia Matteucci”, 5000 mq a Russi, vicino a Ravenna con Alberi da frutto, alberi adulti spoglianti, arbusti da fiore e da bacca, peonie
arbustive e d erbacee, ortensie arbustive e rampicanti, rose antiche, moderne e botaniche, erbacee perenni. Collezione di violette e succulente.

Ha scritto “Il signore della montagna” un romanzo edito da Lettere Animate Editore

 

Sarah D.  Kennelly Ph. D

Sarah D. Kennelly, detta Brenda è nata e cresciuta in California; dopo essersi laureata presso la Stanford University, ha lasciato gli Stati Uniti e ha vissuto a lungo in Turchia; quindi è andata a Roma dove ha insegnato per molti anni inglese all’Università La Sapienza. Infine, la scoperta della Toscana e del Casentino, dove, nel 203, ha costruito la sua azienda florovivaistica un po’ speciale, dove si producono iris e peonie, destinate alla vendita all’ingrosso. Ha iniziato con un centinaio di esemplari di iris provenienti dalla California; oggi, in vivaio, ci sono oltre novantamila piante di varietà diverse. Stessa cosa per le peonie passate da trentacinque acquistate in Germania. Adesso, l’Azienda ne ospita venticinquemila!